Napoli| Esposito (Lega) ”Follia pura il 60% di bocciati all’esame di Abilitazione da Avvocato. Urge riforma”

NAPOLI – É scoppiata la rivolta sui social network e sui forum per i numerosi aspiranti avvocati napoletani, in larga maggioranza bocciati all’ultima prova di abilitazione tenutasi a dicembre presso la Mostra d’Oltremare. E’ intervenuto sulla questione Nicholas Esposito, Coordinatore Lega Giovani della Campania.
‘’A Napoli sono 2200 i praticanti avvocati che sono stati bocciati all’esame di abilitazione alla professione. Hanno superato l’esame scritto solo il 39.70% dei candidati. Una valutazione che lascia a casa il 60 percento dei praticanti’’, ha dichiarato Esposito.

‘’Una follia– rimarca- se si tiene conto del fatto che non sono resi noti i criteri di valutazione degli elaborati, e che l’esame non è un concorso che ti assicura immediatamente uno stipendio. A ciò si aggiunge il fatto che i giovani praticanti si trovano ad affrontare il costo aggiuntivo della tassa annuale di iscrizione all’ordine.’’

L’auspicio del giovane dirigente leghista è quello di ‘’una riforma che vada verso una maggiora trasparenza attraverso un immediato e semplificato accesso agli atti, ed una separazione tra abilitazione civile e penale come auspicato da diversi organismi forensi. ”

”Inoltre- conclude Esposito– tre giorni consecutivi di prova, rappresentano uno sforzo fisico notevole, oltre che mentale, tale da influire sulla capacità di concentrazione dei praticanti, i quali arrivano al terzo giorno stremati. Non è, dunque, possibile tenere a casa per anni migliaia di giovani laureati per un’abilitazione alla professione.’’