Anniversario del Tricolore, Mattarella: “Patrimonio di storia e cultura”

227 anni dalla nascita del vessillo. Premier Meloni: “Ne omaggiamo i più alti valori”

Oggi 7 gennaio 2024 ricorre il 227° anniversario della nascita del Tricolore. Era il 7 gennaio 1797 quando Giuseppe Compagnoni, segretario generale della confederazione al congresso costitutivo tenutosi a Reggio Emilia, propose come simbolo della Repubblica Cispadana la bandiera rossa, bianca e verde. Con l’avvento della Repubblica, il Tricolore fu confermato dall’Assemblea Costituente nel 1947 e inserito all’articolo 12 della Carta Costituzionale.

Così ha dichiarato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Radicandosi nelle tappe della storia d’Italia, è giunto sino ad oggi, simbolo della Patria. La Costituzione afferma, con l’articolo 12, il Tricolore come Bandiera della Repubblica, emblema del nostro Paese. In essa si identificano quei sentimenti di coesione e identità nazionale e quegli ideali di libertà, democrazia, giustizia sociale e rispetto dei diritti dell’uomo che sono le fondamenta della nostra comunità e animano la coscienza civile nelle sue varie espressioni. Del Tricolore, patrimonio di storia e cultura, andiamo, giustamente orgogliosi. In esso si riconoscono le concittadine e i concittadini stimolati nell’impegno di rendere vivi i valori della Costituzione. Viva il Tricolore, viva la Repubblica”.

In occasione della festa del vessillo italiano il Presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni, commenta sui social: “Nella Giornata nazionale della Bandiera celebriamo il nostro Tricolore, che da 227 anni ci accompagna. Con orgoglio ne omaggiamo i più alti valori, perché onorare la Bandiera italiana vuol dire anche conservare e custodire la nostra storia e le nostre radici. Viva la Bandiera italiana, Viva l’Italia”.

Print Friendly, PDF & Email