Editoria, Ciarambino: «Solidarietà e vicinanza incondizionata ai giornalisti dell’agenzia Dire»

«Non c’è rimedio migliore per minare la libertà di stampa e la pluralità dell’informazione. La notizia che l’agenzia di stampa Dire intende licenziare 15 giornalisti desta forte preoccupazione – afferma Valeria Ciarambino, Vicepresidente del Consiglio regionale della Campania e componente del Gruppo Misto – Nonostante anni di sacrifici, il ricorso sistematico agli ammortizzatori sociali e in un momento in cui all’azienda, con la riforma delle agenzie stampa in atto al Governo, arriveranno nuove risorse, è del tutto immotivata la scelta della governance aziendale. La mia piena solidarietà e vicinanza incondizionata ai giornalisti dell’agenzia Dire. Garantire una informazione libera, senza bavagli, vuol dire anche preservare posti di lavoro in un settore del Paese indispensabile per la conoscenza e l’informazione dell’opinione pubblica. Il mio auspicio – conclude Ciarambino – è che la vicenda possa risolversi positivamente e in breve tempo salvaguardando i livelli occupazionali».

Print Friendly, PDF & Email