Sanremo 2022, Checco Zalone mattatore della seconda serata. Prima in classifica provvisoria, Elisa

Amadeus, elegantissimo con una giacca color ciclamino apre la seconda serata del Festival di Sanremo. Questa sera Fiorello non sarà presente.

“Una grande donna, una grande attrice”. Così parte l’applauso interminabile per la scomparsa di Monica Vitti, che “ci ha fatto piangere, pensare, ridere quando al cinema i ruoli comici per le donne erano rarità”, così commenta Amadeus, prima di presentare le 13 canzoni della serata.

Inizia la gara, ma prima Amadeus rivede la classifica provvisoria della prima serata. E ricorda che da giovedì sera inizierà a votare il pubblico.

Entra Sangiovanni.

Amadeus accoglie sul palco la seconda madrina di questo Festival, Lorena Cesarini, attrice giovane e talentuosa, protagonista di Suburra, che parte subito con un monologo fortissimo sul razzismo.

“Succede una cosa bellissima. Succede che Ama rivela al Tg1 i nomi della partner e annuncia una certa Lorena Cesarini, e infatti eccomi qua. A 34 anni scopro che non è vero che sono una ragazza italiana come tante, io resto nera. Fino ad oggi a scuola, all’Università, al lavoro, sul tram nessuno aveva sentito l’urgenza di dirmelo. Invece certe persone hanno sentito questa urgenza. Evidentemente per alcuni il mio colore della pelle è un problema”.

Entra Giovanni Truppi e prosegue la gara. Tocca poi a Le Vibrazioni che omaggiano la scomparsa prematura di Stefano D’Orazio, la cui foto è stampata sulla batteria.

Tutto pronto per la sua entrata. Checco Zalone compare tra i posti della galleria. “Volevi un altro Bugo eh!? Questa è la mia gente, io amo il popolino”. Poi propone una “favola LGBT” ambientata in Calabria.

Altra grande star italiana sul palco, arriva il momento di Laura Pausini. Canta il nuovo singolo, Scatola.

“La canzone è una metafora, parla di quello che la mia mente e il mio cuore contengono, ovvero i ricordi. È un dialogo tra me e quella Laura che era lì nel 1993, racconta quello che è successo nella mia vita”. La canzone è stata scritta da Madame.

A sorpresa, la raggiunge Mika per cantare I have a dream degli ABBA. Nell’orchestra c’è Alessandro Cattelan in versione polistrumentista. Sono qui, in realtà, per ufficializzare la loro conduzione dell’Eurovision Song Contest. L’annuncia Amadeus: “Posso annunciare i tre conduttori dell’Eurovision”, che andrà in onda su Rai 1 a maggio.

Prosegue la gara ed è il turno di Emma, per lei a dirigere l’orchestra c’è la maestra Francesca Michielin. È il momento di un giovanissimo cantante, Matteo Romano, e di un ritorno, quello di Iva Zanicchi, una delle voci storiche del Festival.

Riecco Zalone nei panni di Ragadi, un finto rapper affiancato dai producer Cisty e Felya. La canzone è Poco ricco, uno sfottò ai rapper che raccontano di venire dalla strada quando in realtà vengono da famiglie ricche.

Sul palco in gara un duo scatenato, Rettore e Ditonellapiaga. Subito dopo c’è Elisa. Il pubblico applaude non appena sente il suo nome. Manca dal palco dell’Ariston da 21 anni.

Margherita Mazzucco e Gaia Girace, protagoniste ancora una volta de L’Amica Geniale in onda su Rai 1 da domenica, vengono accolte da Amadeus e presentano Fabrizio Moro.

Ecco poi il dottor Oronzo Carrisi. Ovvero Checco Zalone in versione virologo, cugino di sangue di Albano. “Tutti i virologi oggi hanno un agente. Stavo per abbandonare la virologia, stavo per fare carrozzeria, poi è arrivato questo, il primo tampone positivo di Cellino. Sta pacchia, purtroppo, sta per finire. La gente alle 20, mo’ che finisce la pandemia, sta a vedere quelal cazzata che fai? La gente esce. Non ti prende manco più teleCellino, Nessuno pensa a noi virologi che fine facciamo”. Così canta Pandemia ora che vai via. “L’hanno scritta Bassetti, Burioni, Crisanti, Galli, Fauci, Locatelli, Pregliasco, Zangrillo: ho voluto dividiere la siae con tutti, questi muoiono di fame, aiutiamoli. Dirige l’orchestra Beppe Virussicchio”.

Dalla Costa Toscana, Orietta Berti annuncia il prossimo ospite: Ermal Metal, gaffe voluta. “Stasera sono sono vestita come Rossella O’Hara, faccio Via col vento”. Entra Ermal Meta.

È il momento delle ultime 4 canzoni: Tananai, Irama, vestito con una maglia che sembra una rete da pesca, Aka7even e a chiudere la gara Highsnob e Hu.

In attesa della terza serata, quella delle cover, vi lasciamo con la classifica provvisoria che comprende tutte e 25 le canzoni.

  1. Elisa con O forse sei tu
  2. Mahmood e Blanco con Brividi
  3. La rappresentante di Lista con Ciao Ciao
  4. Dargen D’Amico con Dove si balla
  5. Gianni Morandi con Apri tutte le porte
  6. Emma con Ogni volta è così
  7. Ditonellapiaga e Rettore con Chimica
  8. Massimo Ranieri con Lettera di là dal mare
  9. Irama con Ovunque sarai
  10. Fabrizio Moro con Sei tu
  11. Giovanni Truppi con Tuo padre, mia madre, Lucia.
  12. Noemi con Ti amo non lo so dire
  13. Sangiovanni con Farfalle
  14. Michele Bravi con Inverno dei fiori
  15. Rkomi con Insuperabile
  16. Achille Lauro feat. Harlem Gospel Choir con Domenica
  17. Matteo Romano con Virale
  18. Highsnob & Hu con Abbi cura di te
  19. Giusy Ferreri con Miele
  20. Iva Zanicchi con Voglio amarti
  21. Aka 7even con Perfetta così
  22. Le Vibrazioni con Tantissimo
  23. Yuman con Ora e qui
  24. Tananai con Sesso occasionale
  25. Ana Mena con Duecentomila ore
Print Friendly, PDF & Email