Speranza: “Il Cts discute su possibile terza dose. Priorità a fragili, immunodepressi e trapiantati”

Il ministro della Salute, Speranza, ha parlato qualche giorno fa a Metropolis, il podcast di ‘Relubblica’. Era a Pesaro, all’inaugurazione di una farmacia comunale.

Ha parlato dei vaccini come “un’arma fondamentale per chiudere questa stagione, bisogna fare di tutto per far salire le percentuali di vaccinati, siamo al 67% di ciclo completato”.

E alla domanda sulla possibilità di introdurre l’obbligo vaccinale: “Io sono per continuare su questa strada. Poi sul vaccino obbligatorio faremo le valutazioni del caso. Il governo la farà in corso d’opera, in questo momento non c’è alcuna decisione assunta. Tra qualche settimana vedremo qual è la strada migliore“.

Mentre sulla terza dose si discute ancora: “Da parte di Aifa e Ema non c’è ancora un’indicazione perentoria e l’emergenza di queste ore è vaccinare chi ha zero dosi”, ha chiarito il ministro, ma “c’è una discussione all’interno del Cts” e “sicuramente si partirà con la terza dose per i fragili, gli immunodepressi, i trapiantati. E a seguire tutti gli altri”.

Nonostante comunque l’Oms si sia detto contrario a causa dei Paesi poveri non ancora immunizzati.

Print Friendly, PDF & Email