Afghanistan, Biden piange in diretta nazionale: “Non dimenticheremo, vi prenderemo e ve la faremo pagare”

Il presidente Joe Biden non trattiene le lacrime in diretta nazionale parlando degli “eroi morti a Kabul per una missione altruista”, in riferimento alla morte di circa 12 marines, e 90 civili afgani,  negli attentati nella capitale afgana. Continuando ha dichiarato “La situazione è in continua evoluzione. Questi americani, che hanno dato la loro vita, sono eroi. Eroi che erano impegnati in una missione altruistica per salvare le vite di altri”. In lacrime ha voluto mandare un messaggio di cordoglio rivolto alle famiglie delle vittime, dicendo “Abbiamo un obbligo verso tutti voi, verso le famiglie di questi eroi. Sono morti difendendo i nostri valori e la nostra visione”.

Il capo della Casa Bianca ha poi promesso “Non dimenticheremo, vi prenderemo e ve la faremo pagare. E l’America non si farà intimidire, l’evacuazione va avanti e siamo pronti a inviare altre truppe se sarà necessario”. Tutto in uno scenario tragico e raccapricciante. L’evolversi della situazione in Afghanistan peggiora di ora in ora, e gli Stati Uniti devono far fronte con tutte le loro risorse al susseguirsi dei tragici eventi, con attacchi kamikaze e spari di arma da fuoco ben precisi. Per il Pentagono rimangono ancora mille i cittadini americani da portare via, ma “gli attacchi continueranno”.

Sono ore e attimi fondamentali per Washington, dove ogni singolo passo o parola hanno un grande peso. Il discorso arriva dopo una giornata, dove il presidente Biden è stato costantemente aggiornato dalla squadra che si occupa di sicurezza nazionale. Gli allarmi di terrorismo crescono, e la tensione sale. Si cerca una via di “uscita” in un momento particolarmente complesso dove anche le notizie arrivano frammentate, senza ancora un chiaro bilancio sul numero delle vittime. Le responsabilità dell’Isis Kohrasan, invece, sono ormai ben note. Intanto, il deputato repubblicano Mike Garcia, dichiara ciò che lui e gli altri colleghi del suo partito, tra cui Donald Trump, che “A questo punto il presidente si deve dimettere”. Anche, Nikki Haley, ex ambasciatrice degli Stati Uniti all’Onu, è favorevole alle dimissioni, ma sostituendo Joe Biden con la vice Kamala Harris, sarebbe del tutto peggio. Sono pochi istanti, dove tutto potrebbe precipitare.

Print Friendly, PDF & Email