“Il centravanti in giacca e cravatta” di Mandato fa goal anche a Marigliano

La sede del Progetto Alfa di Marigliano ha ospitato, ieri sera, la decima presentazione del libro “Il centravanti in giacca e cravatta” di Tommaso Mandato. Risvegliando negli animi dei lettori quella passione che scalda i cuori, il libro ha conquistato soprattutto l’attenzione dei giovani, presenti all’evento in tantissimi.

L’incontro, moderato dal direttore di Istituzioni24 Massimo Iaquinangelo, ha avuto inizio con una breve introduzione da parte di Mandato il quale ha poi lasciato spazio al dialogo con l’autore. Ad intervenire sono state personalità dello spessore della dottoressa di Maradona Marina Romano, dell’attrice Rosaria De Cicco, del padrone di casa Pasquale Antonio Riccio e dell’ex portiere Gennaro Iezzo. Quest’ultimo, in particolare, ha ricevuto il premio “Testimonianza” patrocinato ogni anno da parte del Progetto Alfa.

“Questa sera siamo qui a Progetto Alfa per presentare il libro di una grande persona e di un grande amico che per noi ormai è ‘il centravanti in giacca e cravatta'”, ha dichiarato il presidente del Progetto Alfa Pasquale Antonio Riccio, “Il libro racconta la storia un po’ di tutti noi, soprattutto a queste latitudini, che sentiamo e viviamo il calcio in maniera particolare. Racconta i sogni di un ragazzo che è partito da giovane con il suo sogno nel cassetto di diventare un grande calciatore e ha capito che poi nella vita ciò che conta è realizzare solidarietà e progetti di vita anche per le altre persone. “

“Il centravanti in giacca e cravatta”, insomma, è riuscito ad arrivare al cuore di tutti, soprattutto per la sua capacità di trattenere tra le sue pagine la magia dello sport. “La storia che mi ha colpito di più del libro”, racconta infatti Gennaro Iezzo, “è quella in cui Tommaso si trova nell’oratorio con un portiere un po’ il bulletto della situazione poi, come per magia e come solo lo sport riesce a  fare, dopo la partita si esce tutti quanti come amici. Credo che solo la magia dello sport possa essere capace di fare questo.”

Non importa essere tifosi o meno, afferma Rosaria De Cicco, “Ai profani come me, ha mostrato il pallone sotto un’altra prospettiva, anche se non te ne vuoi interessare ti prende, ti appassiona. Scritto con il cuore, questo libro è pieno di emozioni di tutti i tipi come ad esempio quando racconta della perdita prematura della sua mamma a causa di un incidente domestico e il suo sfogo e il suo recupero  correndo in un campo di calcio e trovando il suo amico: il pallone, che non lo avrebbe mai abbandonato.”

Citando, infine, le parole della dottoressa Marina Romano, nel libro di Tommaso Mandato “c’è tutto, c’è l’uomo, il pallone, la classe, la dignità, l’amore infinito per tutto ciò che ha rappresentato la sua emotività, riuscendo a trasmetterla anche a chi non la possiede.”

Print Friendly, PDF & Email