COVID-19 | Corrotti (Lega): “rom positivi allarme prevedibile”

“Il caso dei rom positivi al Covid-19 è un evento che era prevedibile per tutti coloro che conoscono la situazione all’interno dei molteplici campi rom, insediamenti abusivi, centri d’accoglienza o anche palazzi occupati, dove le regole richieste per contrastare la diffusione del contagio non sono sempre da tutti rispettate anche per via degli spazi in cui vivono, dove spesso ci sono famiglie numerose in moduli di pochi metri quadrati. A questo, si sommano le condizioni igienico-sanitarie che non sono certo delle migliori già in tempi precedenti alla diffusione del Coronavirus.

Il caso di positività riscontrato già nei giorni scorsi in un centro per migranti a Milano doveva essere per noi un campanello d’allarme al quale, però, nessuno sembra aver dato ascolto.

Nel contrasto alla diffusione del contagio è fondamentale che non esistano zone franche su controlli e regole: ci sono luoghi che vanno monitorati e assistiti per non rischiare di ritrovarci con un focolaio del tutto ingestibile nella Capitale e che potrebbe mettere ulteriormente a serio rischio la salute dei romani.” Così in una nota Laura Corrotti, consigliere Lega Regione Lazio.