Aispis e Osservatorio FF.AA.FF.OO organizzano Tavolo inter istituzionale sui diritti e la salute dei militari e delle Forze dell’Ordine alla Camera dei Deputati

ROMA – L’Accademia Italiana delle Scienze di Polizia Investigativa e Scientifica (AISPIS) con l’Osservatorio Nazionale per i diritti e la salute dei militari e delle Forze dell’Ordine (Osservatorio FF.AA.FF.OO) organizzano per il prossimo 30 maggio dalle ore 10,30 alle ore 13,30  presso la Sala Conferenze Palazzo Theodoli della Camera dei deputati il Tavolo Inter Istituzionale “Cambiamenti radicali come prerogativa per il benessere psicofisico dei militari e delle forze dell’ordine: dai disturbi post traumatici da stress ai ricongiungimenti familiari”.

Alla giornata di confronto ed approfondimento presenzieranno le massime rappresentanze istituzionali civili, politiche e militari, sarà presente l’Ordine degli Psicologi, hanno aderito le Regioni Lazio, Campania e Molise, il CO.CE.R interforze, e rappresentanti del mondo sindacale ed associazionistico. Il tavolo sarà presieduto dalla Presidente Aispis Francesca Antonaci, coadiuvata dalla Vice Presidente Antonella Cortese, dalla direttrice didattica Marilena Bonifacio, dalla responsabile dipartimento Giustizia Maria Franca Tripaldi, i lavori saranno coordinati dalla Presidente dell’Osservatorio Nazionale e Direttrice Scientifico Aispis Francesca Beneduce.

“Le mutate condizioni socio-culturali impongono una rivisitazione anche del ruolo intrafamiliare è necessario, quindi- Dichiara la Presidente dell’Osservatorio Nazionale Francesca Beneduce– rendere effettivo questo diritto anche attraverso il favorire i ricongiungimenti familiari- che aggiunge- siamo ancora lontani da un effettivo godimento di tali diritti, seppure ci sia stata un’apertura verso tali tematiche, pur tuttavia si è ancora molto lontani nella pratica”.

Un tavolo di confronto che affronterà la tematica in modo multidisciplinare ed intra disciplinare finalizzato alla proposta di soluzioni normative e gestionali nell’intendimento di favorire il benessere psicofisico dei militari e degli appartenenti alle forze dell’ordine ed una maggiore conciliazione familiare.