Elezioni europee, Noi Moderati a Napoli. Lupi: “Grandi sfide attendono l’Italia e l’Europa”

Si è tenuta ieri sera, alla presenza di una sala gremita, l’incontro “Popolari e moderati in Europa” che ha visto la partecipazione del leader di Noi moderati Maurizio Lupi, del deputato Pino Bicchielli (coordinatore regionale in Campania di Noi moderati) e dell’avvocato Riccardo Rosa, candidato di Noi moderati alle Europee (presente nella lista Forza Italia – Noi moderati).

Ad aprire i lavori è stato l’avvocato Riccardo Guarino, coordinatore provinciale a Napoli di Noi moderati ed organizzatore dell’evento. Lupi si è concentrato sulle «grandi sfide» che attendono l’Europa e l’Italia. In cima alle priorità secondo il leader di Noi moderati vi sono «politiche a favore della natalità e a sostegno della famiglia». «L’Europa e l’Italia stanno invecchiando, si dice nel 2050 l’Europa raddoppierà la popolazione anziana sopra gli 80 anni», ha detto. Lupi ha poi puntato sulla necessità di creare un circuito lavorativo virtuoso attraverso il quale sostenere le imprese per incentivare l’occupazione e spingere per la crescita dei salari: «Con il salario minimo la persona non può crescere e resta sempre dipendente del potente di turno. Invece la nostra idea è che se stai indietro, se cadi, io Stato ti aiuto a rialzarti affinché tu possa andare avanti con le tue gambe e non dipenda più dallo Stato o dal politico di turno». «Abbiamo una sfida nella sfida, far crescere i salari – ha aggiunto Lupi -. Inoltre ci attende la sfida del rinnovo dei contratti. Più di quattro milioni di lavoratori dipendenti hanno ancora i contratti da rinnovare, dobbiamo lavorare per stimolare questo rinnovo». Nel corso della serata si è parlato anche dell’amministrazione di Napoli e della Regione Campania: l’avvocato Riccardo Guarino, coordinatore provinciale a Napoli di Noi moderati, ha invocato un cambio di passo, una svolta contro gestioni che «stanno penalizzando i cittadini».

«Napoli è una grande città, con tante risorse importanti ma da troppi anni è lasciata da sola. Oggi c’è un grande immobilismo: Napoli è isolata, prima con De Magistris. E oggi con questa querelle tra Manfredi e De Luca che sono separati in casa, la città continua a pagarne le conseguenze. Serve una svolta – ha sottolineato Guarino – perché i cittadini pagano sui servizi essenziali, su una mancanza di sicurezza in città, sui servizi sanitari che non sono adeguati. Non siamo cittadini di serie C, dobbiamo mettere in moto qualcosa che sia una scossa e che faccia sentire i campani cittadini di serie A».

«Grazie all’impegno di Noi moderati stiamo riattivando delle politiche sui professionisti, sui giovani, sui lavoratori perché Napoli – ha concluso Guarino – non ha bisogno di assistenzialismo, ma di sviluppo, di lavoro, ha bisogno di dignità del lavoro per far crescere le famiglie, riprendere la natalità e sviluppare la società con gli antichi valori di cui noi siamo portatori».

Il deputato Pino Bicchielli ha invece mosso critiche al presidente della Regione Campania De Luca: «De Luca continua a sbagliare – ha detto a margine dell’evento, rispondendo alle domande dei giornalisti -. Invece di occuparsi delle strade, dei collegamenti e della sicurezza in questa regione, spende soldi, li butta per feste, fiere e soprattutto per fare propaganda elettorali che non serve a nessuno se non lui». Sono intervenuti con un loro contributo anche Leonardo Lasala, segretario Noi Moderati-Napoli; Guido Guida, vice coordinatore cittadino Noi moderati Napoli; l’avvocato Maria Caprioli, responsabile Enti locali provincia di Napoli per Noi Moderati.

Print Friendly, PDF & Email