Elezioni e Par Condicio, iniziativa formativa di CoReCom ed Ordine dei Giornalisti della Campania in Consiglio regionale

Oliviero: “Garantire competizione elettorale paritaria e rispettosa delle regole”

“Elezioni e par condicio. Indicazioni professionali e buone pratiche”. E’ il tema dell’iniziativa, tenutasi, stamani, nell’Aula multimediale del Consiglio Regionale della Campania, promossa dal Comitato Regionale per le Comunicazioni della Campania, in sinergia con l’Ordine dei Giornalisti della Campania, sulla applicazione della Legge 22 febbraio 2000 n. 28 in occasione delle prossime elezioni europee ed amministrative.

Ai lavori, introdotti dalla Presidente del Corecom Campania, Carola Barbato, ha partecipato il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Gennaro Oliviero, che ha evidenziato “l’importanza della par condicio particolarmente nel periodo elettorale, quale complesso di regole volte a garantire la parità di accesso ai mezzi di informazione e, quindi, una competizione elettorale paritaria e rispettosa delle regole a tutela di tutti i soggetti politici, dei cittadini e delle Pubbliche Amministrazioni, anch’esse chiamate, nella comunicazione istituzionale, al rispetto di regole più stringenti e, quindi, a contribuire alla attuazione della par condicio”.

Sono intervenuti ai lavori il Presidente di Anci Campania, Carlo Marino, il Presidente dell’ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, il Capo redattore della Tgr Campania, Oreste Lo Pomo, il professore ordinario dell’Università “Mercatorum”, Giuseppe Corasaniti, la funzionaria dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Antonietta Polcaro.

“Il Corecom Campania, nell’adempimento delle proprie funzioni istituzionali, svolge un’intensa attività di monitoraggio sulle trasmissioni radio televisive locali per vigilare sul rispetto delle regole della par condicio, che sono molto importanti sia in occasione delle consultazioni elettorali che negli altri periodi, al fine di garantire la parità di trattamento e l’imparzialità rispetto a tutti i soggetti politici e l’accesso paritario ai mezzi di informazione per la comunicazione politica”, ha sottolineato la Presidente del Corecom Campania, Carola Barbato.

“L’impianto della legge sulla par condicio è democratico e volto a garantire la parità di trattamento e l’imparzialità da parte dei mezzi di informazione a beneficio di tutte le parti politiche in campo e, quindi, a tutela dei cittadini per un’espressione di voto libera e non condizionata da una comunicazione non partitaria e non equilibrata, per questo, come Ordine dei Giornalisti della Campania, siamo da tempo impegnati su questo tema”, ha detto il Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli.

“La Rai svolge quotidianamente una meticolosa attività di monitoraggio e verifica del rispetto della par condicio sui propri servizi televisivi e radiofonici, al di là del periodo elettorale, con l’obiettivo di rappresentare in modo pieno ed equilibrato il pluralismo politico, un’attività che impegna fortemente la professione giornalistica nella logica che fa riferimento alla qualità dell’informazione”, ha aggiunto il Capo Redattore della TgR Campania, Oreste Lo Pomo.

“L’art. 9 della legge 28/2000 prevede che “dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni” – ha ricordato il Presidente di Anci Campania, Carlo Marino – evidenziando “l’importante lavoro dagli Uffici Stampa degli Enti locali per garantire l’applicazione di tale norma e per contribuire alla piena attuazione della par condicio”.

Infine, il professore ordinario dell’Università “Mercatorum”, Giuseppe Corasaniti, si è soffermato sulla necessità di un confronto e di una sinergia tra le varie Autorità di garanzia, e la funzionaria dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Antonietta Polcaro, ha evidenziato la necessità, a 24 anni dalla approvazione della legge sulla par condicio, di raccogliere la sfida di disciplinare anche il mondo del “on line”, una novità che richiede un adattamento legislativo per garantire pienamente competizioni elettorali paritarie.

Print Friendly, PDF & Email