Giovani, digitalizzazione, europee2024: Botricello accoglie con entusiasmo la terza tappa del tour istituzionale nazionale

Nicastri, fondazione Aidr: la nostra missione è quella di avvicinare sempre di più le generazioni cosiddette Z alle istituzioni europee, determinati a sfidare gli stereotipi
D’Amico, Ministero Istruzione: con la nuova iniziativa della piattaforma UNICA, promossa dal MIM, vogliamo mettere a disposizione servizi digitali per accompagnare ragazze e ragazzi nel percorso di crescita, per aiutarli a fare scelte consapevoli e a coltivare e far emergere i loro talenti

Il tour istituzionale nazionale “Giovani, Digitalizzazione e Europa 2024”, promosso dagli Uffici del Parlamento e della Commissione Europea in Italia insieme alla Fondazione AIDR (www.aidr.it), continua a riscuotere un grande successo. L’iniziativa, che si avvale del supporto di Sic Europe, partner di Aidr, per il bus attrezzato che sta attraversando le regioni italiane, ha fatto la sua terza sosta presso l’Istituto superiore professionale IPSSCEOA di Botricello, in provincia di Catanzaro (CS), portando un messaggio di coinvolgimento e partecipazione attiva alla vita dell’Unione Europea.

La visita a Botricello si è distinta per l’intensa partecipazione e l’entusiasmo degli studenti, sottolineando l’importanza di avvicinare le giovani generazioni alle istituzioni europee e di discutere temi chiave come i cambiamenti climatici, la diversità, l’inclusione e l’importanza del digitale nella società contemporanea. Il dirigente scolastico, Giovanna Moscato, insieme a un nutrito gruppo di rappresentanti locali tra cui il sindaco Simone Puccio, il parroco Don Rosario Morrone e rappresentanti della locale compagnia dei Carabinieri, hanno accolto l’iniziativa con grande favore.

Nel suo discorso di apertura, Giovanna Moscatoha ringraziato gli organizzatori per aver scelto Botricello come una delle tappe di questo importante percorso di sensibilizzazione, evidenziando come l’iniziativa rappresenti un’opportunità unica per gli studenti di conoscere da vicino le opportunità offerte dalle istituzioni europee e l’importanza del loro rapporto con gli Stati membri”.

Durante l’evento, sono intervenuti da remoto la Dott.ssa Cristina Pipolo, responsabile marketing e comunicazioni per DXC Technology, e l’Ing. Davide D’Amico, direttore generale dei sistemi informativi e della statistica del Ministero dell’Istruzione e del Merito, che hanno offerto il loro sostegno e condiviso riflessioni sul ruolo della digitalizzazione nella società e nell’educazione.

“Le cosiddette Generazioni Z sono determinati a sfidare gli stereotipi, sono preoccupati per i cambiamenti climatici e si battono per un mondo più green e pacifico, guardano la tv soprattutto online, usano ancora Instagram ma sono sempre più stregati da TikTok e adorano il gaming sfidandosi ai videogames su qualunque piattaforma (Twich, YouTube Gaming etc) – ha sottolineato Mauro Nicastri, presidente della fondazione Aidr. Sono curiosi, hanno la mente aperta e vogliono esplorare il mondo e le culture intorno a loro senza preconcetti o limiti e alla moda e ai canoni imposti preferiscono la diversità e l’inclusione. Con il modello di tour che abbiamo immaginato con gli Uffici in Italia del Parlamento e della Commissione europea vogliamo provare ad avvicinare sempre di più le Generazioni cosiddette Z alla vita delle istituzioni europee attraverso l’utilizzo di tecnologie contemporanee – ha concluso Nicastri

Gli ambasciatori della Fondazione Aidr, Cecilia Ventura, Bartolomeo Lodi-Fè e Filippo Mondello, hanno illustrato ai giovani studenti l’importanza della partecipazione democratica e del contributo che possono offrire alle politiche europee, in particolare in vista delle elezioni europee del 2024. Attraverso le loro testimonianze, hanno invitato gli studenti a diventare attori consapevoli nel panorama europeo, evidenziando l’importanza delle tematiche come il cambiamento climatico, la diversità e l’inclusione.

L’evento si è concluso con un’esperienza immersiva che ha permesso agli studenti di visitare virtualmente l’aula plenaria del Parlamento Europeo e di simulare le modalità di voto attraverso l’uso dei visori Oculus Meta Quest 3 forniti da VISUAL PRO, partner di Aidr. Inoltre, è stato proposto l’utilizzo del SocialBooth, un’attività di engagement che ha consentito ai partecipanti di creare contenuti social personalizzati, promuovendo così una partecipazione più attiva e consapevole.

Con la tappa a Botricello, il tour “Giovani, digitalizzazione e europee2024” prosegue nel suo obiettivo di informare e coinvolgere le nuove generazioni sui valori e le opportunità offerte dall’Unione Europea, sottolineando l’importanza della loro partecipazione attiva per un futuro più inclusivo, sostenibile e digitalizzato. Il tour proseguirà anche oggi ed incontrerà gli studenti del Liceo Artistico Statale di Roma di Via di Ripetta.

Print Friendly, PDF & Email