Calcio Napoli, addio a Walter Mazzarri. È il momento di Francesco Calzona

“Ringrazio Walter Mazzarri, amico della famiglia De Laurentiis e del Napoli, per aver sostenuto la squadra in un momento complesso. Resterà nel cuore dei napoletani e della nostra famiglia. Bentornato a Francesco Calzona, che ha già lavorato con noi sia con Sarri che con Spalletti”.

Così la squadra del Napoli ha detto addio al secondo allenatore della stagione. Dopo Rudi Garcia, è toccato a Walter Mazzarri.

Una decisione sofferta ma inevitabile, visti gli scarsi risultati degli azzurri.

Ora al suo posto Francesco Calzona, che ha firmato un contratto fino a giugno 2024. Ricordiamo che Calzona è l’attuale ct della Slovacchia ed è stato vice sia di Sarri che di Spalletti.

Chi meglio di lui, quindi, per interagire e spronare i calciatori.

Intanto, attraverso un comunicato, abbiamo appreso anche le condizioni che la federazione slovacca ha dato a Calzona per poter intraprendere il doppio ruolo di allenatore, sia della Slovacchia che del Napoli.

“La Federazione ha il diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento in caso di mancato rispetto di una qualsiasi di queste condizioni: il consenso è limitato nel tempo: dal 19 febbraio fino all’ultima partita del Napoli nella stagione 2023/2024; l’allenatore è tenuto a rispettare tutti gli obblighi contrattuali con la federazione slovacca; sarà sempre a disposizione della nazionale per raduni, partite e conferenze”.

Apprendiamo che in questo momento è in corso l’incontro tra la società, il nuovo allenatore e parte del suo staff all’hotel Britannique, a Napoli.

Attualmente al fianco di Calzona c’è anche un gradito ritorno, quello di Francesco Sinatti, ex preparatore atletico tornato dopo il saluto dell’estate scorsa. Per quanto riguarda Marek Hamšík, che dovrebbe prendere parte all’interno dello staff del Napoli, il presidente Aurelio de Laurentiis ha rivelato di averlo sentito e di essere disponibile a farlo rientrare o nello staff di Calzona oppure all’interno della dirigenza. Vedremo.

Intanto facciamo un enorme in bocca al lupo al nuovo allenatore del Napoli, soprattutto perché si prepara ad affrontare una partita ostica come quella contro il Real Madrid.

Print Friendly, PDF & Email