Campania, il Consiglio regionale si è oggi riunito: ecco la sintesi

Il Consiglio Regionale della Campania, presieduto da Gennaro Oliviero, ha approvato a maggioranza una correzione degli artt. 8 e 19 del Regolamento di attuazione dell’articolo 39, comma 3, della legge regionale 28 marzo 2022, n. 3 (Riforma del trasporto pubblico locale e sistemi di mobilità della Regione Campania) in materia di esercizio dei servizi autorizzati di linea con autobus, senza oneri a carico della Regione e degli Enti locali”, introdotto dal Presidente della IV Commissione, Luca Cascone (De Luca Presidente).

Il Consiglio ha approvato la proposta di legge “Modifica alla legge regionale 4 dicembre 2023, n. 22 (Disposizioni in materia di interventi assistiti con gli animali)”, in accoglimento delle osservazioni formulate dal Ministero per la disabilità per integrare la composizione della Commissione regionale per gli Interventi Assistiti con Animali presso la Giunta regionale con un componente designato dalle organizzazioni maggiormente rappresentative delle persone con disabilità e un componente esperto in materia di disabilità nominato dal Presidente della Commissione Istruzione, Cultura, Ricerca scientifica, Politiche sociali. La proposta di legge è stata introdotta dal consigliere regionale Massimiliano Manfredi (Pd).

Nel proseguire i lavori, il Consiglio ha approvato a maggioranza il riconoscimento di due debiti fuori bilancio.

Il Consiglio ha, poi, approvato all’unanimità la proposta di legge “Modifiche alla legge regionale 30 settembre 2008, n. 12 (Nuovo ordinamento e disciplina delle Comunità Montane). Inclusione del Comune di Castelnuovo Cilento (SA) nella Comunità Montana Gelbison e Cervati” , ad iniziativa del capogruppo di Italia Viva Tommaso Pellegrino, con la quale si ridetermina la composizione della Comunità Montana del salernitano con i seguenti Comuni: Cannalonga, Ceraso, Gioi, Moio della Civitella, Novi Velia, Orria, Perito, Vallo della Lucania, Castelnuovo Cilento”; quest’ultimo Comune va, dunque, ad essere aggiunto ai Comuni facenti parte della Comunità Montana, “un atto importante – ha spiegato Pellegrino – perché molte progettualità sui territori vengono condotte dalle Comunità Montane e devono ricomprendere tutte le popolazioni in essi ricadenti”. Sul tema sono intervenuti anche il consigliere Michele Cammarano (M5S), il consigliere Aurelio Tommasetti (Lega) ed il consigliere Corrado Matera (gruppo misto), per esprimere condivisione della proposta nell’interesse dei territori.

All’inizio della seduta consiliare, la consigliera Vittoria Lettieri (De Luca Presidente) ha evidenziato che “gli agricoltori liberi della provincia di Napoli, con i loro mezzi, sono in corteo oggi a Napoli e rivendicano i loro diritti, essi svolgono un’attività fondamentale per la nostra alimentazione e per la nostra vita, incentrano le proprie attività a criteri di qualità, ottengono remunerazioni minimali. Essi – ha continuato Lettieri – hanno presentato una lettera con la quale chiedono la valorizzazione delle loro attività e dei loro prodotti, che rispondono  a standard qualitativi elevati, a differenza dei prodotti che provengono da altri paesi e che fanno concorrenza sleale. Per questo, chiedo al Consiglio di condividere un’iniziativa a loro favore da sottoporre al Governo centrale”.

Il Consiglio Regionale della Campania, presieduto da Gennaro Oliviero, successivamente, ha approvato all’unanimità la Mozione  “Avvio di procedure selettive che valorizzino il personale impiegato in mansioni sanitarie e socio- sanitarie che ha prestato la propria attività presso i servizi appaltati delle Aziende sanitarie campane durante il periodo dell’emergenza pandemica”, frutto della unificazione delle Mozioni presentate dai consiglieri Gennaro Saiello (M5S), Valeria Ciarambino (gruppo misto) e Diego Venanzoni, Severino Nappi (Lega), Stefano Caldoro (Moderati e Riformisti), Cosimo Amente (FdI), Livio Petitto (Moderati e Riformisti) e Francesco Cascone (FI), e finalizzata a fornire indirizzo alle Asl affinché, nelle procedure di reclutamento per i servizi appaltati e per i quali sia prevista la reinternalizzazione, venga riservata una percentuale di almeno il 50% destinata al personale che è stato impiegato, durante l’emergenza pandemica, per tali servizi sanitari e socio sanitari, e affinché valutino la possibilità di sospendere eventuali procedure intraprese per garantire tale riserva.

“Oggi scriviamo una pagina molto positiva ed importante, nella sinergia tra Consiglio e Giunta, con l’impegno dell’assessore Cinque, a sostegno dei lavoratori e particolarmente del personale impegnato nei servizi appaltati all’esterno dalle Asl nell’ambito dei processi di internalizzazione, riservando loro almeno il 50% dei posti disponibili nell’ambito delle procedure assunzionali, che sono auspicabili e condivisibili se avvengono nella salvaguardia dei lavoratori”, ha detto la consigliera Valeria Ciarambino (gruppo misto).

“Questa vicenda riguarda migliaia di lavoratori non solo dell’Asl Napoli 1 e necessita di un’attenzione per garantire la sua attuazione”, ha aggiunto il capogruppo della Lega, Severino Nappi.

“C’è stata la unanimità del Consiglio e del mio gruppo e soprattutto la sensibilità immediata della Giunta De Luca che, con l’assessore Cinque, ha pienamente partecipato ai nostri lavori per giungere a questa condivisione”, ha sottolineato il consigliere Francesco Picarone (Pd).

“Questi lavoratori, impegnati nell’emergenza pandemica, erano a rischio occupazionale e noi ci siamo attivati da subito per risolvere questo problema e garantire il loro futuro lavorativo”, ha evidenziato Gennaro Saiello (M5S).

“La Giunta stava lavorando da tempo a questo problema – ha precisato la Presidente della Commissione Politiche Sociali, Bruna Fiola (Pd) – , solo grazie a questo impegno oggi si giunge alla approvazione di questa mozione e si gettano le basi per la concretizzazione di questo percorso”.

“Siamo molto orgogliosi di poter dare una risposta concreta e risolutiva a questi lavoratori che tanto si sono spesi durante la pandemia”, ha aggiunto il Presidente della Commissione Sanità, Vincenzo Alaia.

Print Friendly, PDF & Email