Premio OroItaly 2023, un grande successo con la visita a sorpresa del ministro Sangiuliano

Grande successo di pubblico per il Premio Oroitaly 2023 che al Maschio Angioino di Napoli ha portato sul podio le eccellenze imprenditoriali e professionali che si sono distinte nell’arco dell’anno. Una cornice splendida quella della Sala dei Baroni, sede istituzionale del Comune di Napoli che ha accolto con un caldo abbraccio i partecipanti alla kermesse. Sorpresa del pomeriggio al castello la visita del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano che ha salutato i presenti sottolineando il grande valore storico e culturale del luogo, e le azioni intraprese a promuovere l’immenso patrimonio storico, artistico e culturale della città.

Plusvalore della kermesse targata Associazione OroItaly la collaborazione con la Confraternita dei Sartori 1351 presieduta da Tiziana Aiello insieme al maestro Raffaele Antonelli, dalla cui unione di intenti è nata una spettacolare sfilata di moda e gioielli che ha coinvolto le giovani sarte e sarti del prestigioso sodalizio insieme all’Accademia Moda di Maria Mauro. Preziosa la collaborazione con la Dei-Mar Accademia ente di formazione professionale di Acconciatori ed Estetica. Per la prima volta in assoluto Il Premio oroItaly ha avuto un sottofondo di musica dal vivo grazie ai maestri Vincenzo Racioppi al mandolino; Marco Visconti  alla chitarra  e Bruno Belardi al contrabbasso.

Grandi  i nomi delle personalità premiate a partire dal Magnifico Rettore dell’Università di Napoli Federico II Matteo Lorito, agli imprenditori simbolo del Made in Italy nel mondo Maurizio Marinella e Lello Carlino. Di prestigio anche la presenza dei medici con il prof. Giuseppe Tortoriello, e del del cardiochirurgo Emilio Mango. Nota di merito anche per il Direttore del Centro di Produzione Rai di Napoli Antonio Parlati, per l’editore Diego Guida e per la vulcanica Flavia Sorrentino, vice presidente del consesso civico partenopeo.

Un occhio particolare anche per l’artigianato d’eccellenza, il made in Italy ‘hand made’ come si dice, con un doveroso e sentito premio alla grande tradizione ceramica con il maestro Elvio Sagnella, ed al settore della lavorazione del legno con i maestri liutai Salvatore e Pasquale Mancino.

Un premio allo straordinario impegno civile anche per Nunzia Gatta, che nell’Africa subsahariana porta un sorriso ed una speranza agli ultimi.

Un premio anche al giornalista Rai Nello Di Costanzo e alla giovane cronista di TeleVomero Claudia Tajani. Riconoscimenti anche per gli avvocati Giovanni Lauro e Alessandro Di Dato, per gli artigiani Gianni Onorato e Alfredo Amoroso. Assenti giustificati tra i premiati don Luigi Merola e il conduttore televisivo Beppe Convertini.

“Come ogni anno un grande evento – ha commentato il presidente di OroItaly Salvio Pace – con degli ospiti illustri in una location meravigliosa. L’appuntamento col premio OroItaly resta un momento importante di confronto e non solo di promozione delle eccellenze”.

“Un grazie a tutti dal profondo del cuore – sottolinea Gianni Lepre, Segretario Generale di OroItaly e consigliere del ministro Sangiuliano – per una serata meravigliosa che resterà dentro di noi a sottolineare l’impegno, la passione ed il coraggio con il quale portiamo avanti le nostre idee. Un grazie speciale al ministro Gennaro Sangiuliano, che nonostante i sui tanti impegni, non è voluto mancare alla kermesse di OroItaly. Questo non solo ci inorgoglisce, ma ci rende consapevoli di come le Istituzioni centrali siano vicine al nostro lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email