Napoli, Passaggio di Consegne al Comando Forze Operative Sud dell’Esercito

Il Generale di Corpo d’Armata Giovanni Maria Iannucci, è il nuovo comandante del Comando Forze Operative Sud dell’Esercito Italiano. Prende il posto del parigrado Giuseppenicola Tota, che lascia il servizio attivo dopo  44 anni di onorata carriera militare. La cerimonia di avvicendamento si è tenuta ieri mattina nel cortile di Palazzo “Salerno”. Presenti al passaggio di consegne le massime autorità civili, ecclesiastiche e militari, tra cui il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino, e i vertici locali delle altre Forze Armate dello Stato e delle Forze dell’Ordine. Il Generale Serino, nonostante la sua vulnerabilità, si è lasciato andare alle emozioni, rompendo quella  corazza di disciplina e distanza e con voce commossa, nel salutare un amico e un soldato, ha ricordato: “Sono davvero contento che tu, come volevi, abbia finito la tua carriera militare al comando di uomini  e donne. Attraverso le tue azioni, anche assumendo decisioni difficili, rischiose e facendo scelte importanti, hai costantemente anteposto il servizio e l’amore per l’uniforme che indossi a te stesso. Non posso che ringraziarti per l’esempio che ci hai sempre dato”.  Il Generale Tota, ha ringraziato il personale del COMFOP Sud e dei reparti dipendenti, esprimendo i propri sentimenti di stima e gratitudine per l’operato e la leale collaborazione offerta nel suo periodo di comando che hanno consentito alle Forze Operative Sud di distinguersi per la loro efficienza e professionalità. Ha poi rivolto un saluto commosso alla grande famiglia dell’Esercito, che lascia al termine di circa 44 anni di servizio, durante i quali ha seguito con fedeltà i valori e principi del giuramento prestato da giovane Ufficiale dell’Accademia Militare, ed un particolare ringraziamento alla propria famiglia per il sostegno avuto nel corso della carriera. Momento particolarmente emozionate della cerimonia è stato il fuori programma, quando il generale Tota, dimostrando che anche i leader più forti e coraggiosi sono umani e possono essere commossi dalle circostanze e dalle esperienze affrontate e vissute, ha fatto entrare in scena la fanfara dei bersaglieri dell’Esercito che ha eseguito il brano “”Napule è” di Pino Daniele, uno dei simboli che ha fatto parte della musica contemporanea di Napoli. Questo atto di sincerità e autenticità ha toccato profondamente tutte le autorità intervenute.
Ora la guida del delicato Comando delle Forze Operative Sud è affidato al Generale Iannucci, in segno di riconoscimento per il lavoro  coraggioso svolto nei precedenti incarichi di comando in Iraq e precedentemente allo Stato Maggiore della Difesa e al Comando Operativo di Vertice Interforze di Roma.  Da Iannucci dipenderanno le componenti Operativa e Territoriale, con competenze sull’Italia centro-meridionale e insulare. La componente operativa è composta da cinque Brigate pluriarma, deputate all’approntamento delle forze da impiegare nelle operazioni in Patria e all’estero, quella territoriale comprende quattro comandi regionali e opera nei settori alloggiativo, documentale, tecnico-amministrativo, del reclutamento e della ricollocazione nel mondo del lavoro. Inoltre, il COMFOP Sud ha la responsabilità del comando e controllo dell’Operazione “Strade Sicure” e “Terra dei Fuochi”, coordinando 5 raggruppamenti nel proprio settore.
Print Friendly, PDF & Email