Usa, Donald Trump annuncia la sua terza candidatura alla Casa Bianca

“Il ritorno dell’America comincia oggi”.

Ha esordito così Donald Trump, annunciando ufficialmente la sua terza ricandidatura alla Casa Bianca per le presidenziali del 2024.

“Per rendere l’America nuovamente grande e gloriosa, stasera annuncio la mia candidatura a presidente degli Stati Uniti”.

Circa un’ora di discorso nella ballroom della sua residenza di Mar-a-Lago, davanti a fan in visibilio che sventolavano bandiere americane. Trump ha attaccato Biden, incolpandolo di un Paese “in declino, umiliato e deriso sulla scena internazionale”, dal caotico ritiro dall’Afghanistan al conflitto in Ucraina con cui ha portando il Paese “sull’orlo di una guerra nucleare”.

“Proprio oggi un missile è stato mandato, probabilmente dalla Russia, dentro il confine della Polonia. La gente è impazzita e arrabbiata e noi abbiamo un presidente che si addormenta ai vertici internazionale”.

Così per Trump, Biden sarebbe la causa dell’inflazione, della crisi dei migranti e  dell’invasione dell’Ucraina che invece con lui “non sarebbe successa”, assicurando così di tenere l’America “fuori da ogni guerra”.

“Questa non sarà la mia campagna, questa sarà la vostra campagna”, ha proseguito il tycoon, rilanciando non solo il suo ‘movimento Maga’, ma anche lo slogan “America first” e l’immagine di una nuova “età dell’oro”.

Tante critiche dopo questo discorso. Lo stesso Biden direttamente dal G20 ha risposto a queste accuse con un tweet inequivocabile: “Donald Trump ha rovinato l’America”.

Senza contare che anche all’interno del suo stesso partito, quello repubblicano, quello di Trump, ci sarebbe chi gli rema contro. Si parla di divisioni: c’è chi punterebbe tutto sulla candidatura di Ron DeSantis. Il governatore della Florida, euforico per la vittoria ottenuta durante le elezioni di Midterm, sarebbe il volto giusto a cui affidare l’America, primo principale potenziale rivale di Trump.

Print Friendly, PDF & Email