Sicilia. Musumeci si dimette: al voto anche il 25 settembre per le Regionali

Il 25 settembre in Sicilia si voterà anche per le elezioni regionali, oltre che per le politiche come avverrà in tutta Italia

Il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, si è dimesso dalla sua carica istituzionale.

In un video postato sulla sua pagina Facebook, Musumeci ha parlato ai siciliani spiegando i dettagli della sua scelta. Ha esplicitamente chiarito che si tratta di “una decisione sofferta e meditata. Non vi è – ha aggiunto – alcun motivo politico alla fonte di questa decisione. Sono ragioni di ordine procedurale dettate dal buon senso”.

Pertanto, precisa i quattro motivi che lo hanno indotto ad anticipare la conclusione di circa quaranta giorni la legislatura.

Il primo motivo riguarda la chiusura delle scuole: è improponibile pensare di interrompere le lezioni il 6 novembre (ovvero quando scade la legislatura della Regione e dell’Assemblea Regionale Siciliana).

Il secondo motivo tiene invece conto  dei preoccupanti aumenti dei casi di contagio Covid: se l’autunno dovesse portare ad un’impennata, sarebbe impossibile garantire a tutto il corpo elettorale la possibilità di recarsi alle urne.

La terza motivazione è di carattere prettamente tecnico e riguarda “lo sforzo sul piano organizzativo” da parte di tutti i partiti i quali dovrebbero sostenere un’impegnativa campagna elettorale dopo quella già messa in atto per le politiche: un simile dispendio di risorse ed energie, secondo Musumeci, “non è utile alla democrazia”.

Ed infine, il quarto motivo pone l’attenzione sui costi relativi alla predisposizione di due campagne elettorali che Musumeci stima “in circa 40 milioni”.

“Lavorerò fino all’ultimo giorno con lo stesso impegno ed entusiasmo del primo”, ha voluto precisare Musumeci.

Dopo aver ringraziato Giorgia Meloni per aver fatto in modo che maturasse una scelta in piena libertà, Musumeci ha infine ribadito che non vi è nessuna motivazione politica sottostante le sue dimissioni, bensì una necessità che rimanda unicamente al buon senso. “Dobbiamo impedire che alle Regionali si riduca il numero dei possibili votanti. Abbiamo dei doveri ai quali guardare con grande attenzione”, ha infatti concluso con queste parole il suo videomessaggio.

Print Friendly, PDF & Email