Sanità in Campania, Ronghi (Cnal): “Grave allontamento Muscarà da riunione con privati accreditati. Cosa avevano da nascondere?”

“É gravissimo quanto accaduto al consigliere regionale Maria Muscarà, che ha reso noto di essere stata cacciata da un funzionario e da un assessore regionale da una riunione regionale con le associazioni rappresentative del privato accreditato. Ciò non solo perché è stato calpestato il ruolo di un consigliere regionale e, quindi, dell’intera Assemblea legislativa campana, che rappresenta i cittadini della Campania, ma anche e soprattutto perché si è impedito di partecipare ad una riunione che riguarda un tema di grande rilievo pubblico ed importanza che investe la salute dei cittadini e che dovrebbe essere risolto con urgenza ed efficacia”. Così, in una nota, il Segretario Generale di Cnal, Salvatore Ronghi.

“La delibera di Giunta regionale del 28 dicembre scorso – prosegue – , che ha introdotto i tetti di spesa mensili per struttura, ha, praticamente, fatto saltare il sistema delle prestazioni nel privato accreditato con i cittadini che non riescono ad accedere alle prestazioni in convenzione e sono costretti a pagarle di tasca propria o, se non hanno i mezzi economici, a rinunciarvi – sottolinea Ronghi – , un problema urgente e scottante di cui la stampa si occupa quotidianamente e che sta facendo emergere in tutta la sua evidenzia – conclude Ronghi – il fallimento politico di De Luca e della sua giunta”.

Print Friendly, PDF & Email