Emergenza abitativa in Campania, Di Fenza e Varriale (Moderati): “Agire con rapidi adempimenti amministrativi prima che il fenomeno possa degenerare in modo incontrollabile”

“La politica ha il dovere di intervenire per evitare l’esplosione di una bomba sociale fuori controllo in tema di emergenza abitativa. Un tema tanto discusso in questi anni, ma che ha sortito negli ultimi 12 mesi, nei Comuni della Regione Campania, solo lo slittamento amministrativo di scadenze burocratiche e rinvii di migliaia di sfratti esecutivi e di ordinanze di sgombero coatto, senza individuare una reale strategia di intervento o pianificazione degli interventi per mitigare il disagio. L’aggravarsi di un fenomeno atavico irrisolto, associato all’incremento della grande crisi socio-economica legata alla pandemia sta producendo un disastro senza precedenti”. È quanto affermano in una nota, Pasquale Di Fenza, Capogruppo in Consiglio regionale della Campania e Vincenzo Varriale, Segretario regionale dei Moderati.

“Abbiamo  proseguono – sollecitato sia il Sindaco Manfredi che il presidente De Luca sull’argomento: non possiamo permettere che migliaia di famiglie si trovino da un giorno all’altro abbandonati per strada senza casa. Basti pensare che solo per il Comune di Napoli l’ultima graduatoria vigente per alloggi ERP risale al bando pubblico del 1995 e che nessun Comune riuscirebbe ad ospitare le famiglie aventi bisogno con alloggi provvisori o alternativi. Condividiamo la posizione del sindaco Manfredi di procedere ad un censimento degli alloggi per contrastare fenomeni criminali, ma ciò richiederebbe una lunga procedura di analisi dei singoli casi e anche di tutti gli inquilini Erp e Acer, apparentemente  regolari che hanno perso i requisiti negli anni, creando un business parallelo. Nell’ultimo incontro abbiamo esposto anche al presidente De Luca la problematica che ha espresso la volontà di intervenire per mitigare questa emergenza. È  necessario – concludono – agire con rapidi adempimenti amministrativi prima che il fenomeno possa degenerare in modo incontrollabile”.

Print Friendly, PDF & Email