Dal Regno Unito l’ultima fake news sul Covid

L’ultima delle fake news sul Covid 19 e sui vaccini arriva dal Regno Unito; la bufala che sta circolando sui diversi canali social sembra insinuare che coloro che si sono sottoposti ad almeno due dosi di vaccino siano destinati a sviluppare livelli di anticorpi più bassi rispetto ai cosiddetti no – vax.

A chiunque, quindi, in questi giorni potrà capitare di leggere «L’agenzia britannica UK Health Security Agency ha ammesso che i vaccini COVID-19 danneggiano in modo permanente il nostro sistema immunitario». Con questa dichiarazione, che rappresenta un clamoroso falso, si farebbe riferimento al report di sorveglianza sul vaccino della settimana 42 redatto dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria britannica che a pagina 23 scriverebbe che «i livelli di anticorpi N sembrano essere più bassi nelle persone che acquisiscono l’infezione dopo due dosi di vaccinazione». Secondo questa teoria, il vaccino non consentirebbe a coloro che lo hanno ricevuto di produrre anticorpi contro parti del virus diverse dalla proteina spike, come per esempio la proteina nucleocapside, ossia il guscio del virus stesso. In realtà, invece, nessuna delle affermazioni che si stanno diffondendo e che abbiamo qui replicato è vera, né attendibile. Al contrario, i vaccini forniscono, sì, una protezione variabile per le varianti, ma questo non impedisce che l’organismo dei vaccinati sviluppi una piena immunità naturale. Il vaccino, infatti, ha solo il compito di avviare il processo di produzione degli anticorpi, ma essi vengono prodotti dall’organismo.

Print Friendly, PDF & Email