L’Europa pronta ad un nuovo piano per il rilancio degli investimenti: il Global Gateway

La Commissione europea di concerto  con l’Alto commissario rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza hanno lanciato  un nuovo piano, il Global Gateway, da 300 miliardi da distribuire da qui al 2027. La nuova strategia mira a rafforzare i collegamenti intelligenti, puliti e sicuri. I settori  interessati saranno il digitale, l’ambito energetico,  i trasporti e la sanità. Lo scopo è poter rispondere efficacemente alle numerose sfide globali, dal  cambiamento climatico, all’ambiente, al sistema sanitario, all’aumento di competitività  su scala mondiale e all’approvvigionamento.

Una somma abbastanza elevata che mira a sostenere gli investimenti. Ursula Von der Leyen, presidente  della Commissione, ha spiegato “Il COVID-19 ha dimostrato quanto sia interconnesso il mondo in cui viviamo. Come parte della nostra ripresa globale, vogliamo ridisegnare il modo in cui colleghiamo il mondo per andare avanti meglio. Il modello europeo consiste nell’investire in infrastrutture sia hard che soft, in investimenti sostenibili in digitale, clima ed energia, trasporti, salute, istruzione e ricerca, nonché in un ambiente favorevole che garantisca condizioni di parità. Sosterremo investimenti intelligenti in infrastrutture di qualità, nel rispetto dei più elevati standard sociali e ambientali, in linea con i valori democratici dell’UE e le norme e gli standard internazionali. La strategia Global Gateway è un modello per come l’Europa può costruire connessioni più resilienti con il mondo“. 

È intervenuto anche, Josep Borrell, l’Alto rappresentante che ha dichiarato “Le connessioni tra i settori chiave aiutano a costruire comunità di interessi condivise e rafforzano la resilienza delle nostre catene di approvvigionamento” – e ha aggiunto –  “Un’Europa più forte nel mondo significa un impegno risoluto con i nostri partner, saldamente radicato nei nostri principi fondamentali. Con la Global Gateway Strategy stiamo riaffermando la nostra visione di rafforzare una rete di connessioni, che deve essere basata su standard, regole e regolamenti accettati a livello internazionale al fine di fornire condizioni di parità”.

L’Europa vanta una grande affidabilità come partner per progetti di aiuto e sostegni. In questo caso, il Global  Gateway mira ad aiutare e sostenere investimenti per lo sviluppo dei valori democratici, della governabilità, della trasparenza, infrastrutture verdi, pulite. Tutto con l’approccio Team Europe messo in campo dal Consiglio e dalla Commissione per rispondere efficientemente alla crisi pandemica, con alla base il concetto di lavorare insieme per sostenere concretamente lo sviluppo. Un approccio di collaborazione che va ben oltre le tradizionali aree di cooperazione, inglobando la sicurezza, i diritti umani, l’azione per il clima e l’ambiente, il topic dell’ migrazione, la finanza, il commercio e gli investimenti. Stati membri e istituzioni finanziarie saranno gli attori coinvolti. Dalla Banca europea per gli investimenti (BEI), la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), che cercheranno di coinvolgere attivamente il settore privato. I nuovi strumenti finanziari saranno lo strumento di vicinato, sviluppo e cooperazione internazionale, (NDICI)-Global Europe, che permetterà all’Europa di rispondere in maniera rapida alle nuove esigenze, lo strumento di assistenza preadesione (IPA) III, che sostiene i paesi candidati e i potenziali candidati. Questi strumenti  saranno coadiuvati da Interreg, una rete di supporto per i  governi regionali e locali di tutta Europa, InvestEU, un’altra rete di supporto finanziario per le imprese, e l’Orizzonte Europa per rendere più efficaci i “partenariati europei istituzionalizzati”.

La comunità europea sta lavorando a progetti per rendere l’Unione ancora più forte, tramite lo strumento europeo di credito all’esportazione per integrare e agire concretamente sugli accordi già esistenti.

Print Friendly, PDF & Email