Regno Unito: “grave” l’allerta per terrorismo dopo l’attacco a Liverpool

Allerta terrorismo nel Regno Unito. La città coinvolta è Liverpool dove un’esplosione ha investito un taxi di fronte al Women’s Hospital. Il bilancio è di un morto e un ferito. Tre sono ,invece, i giovani di 21, 29  e 26 anni, arrestati dalle forze dell’ordine locali per violazione del “Terrorism Act”, ossia la legge britannica sul terrorismo, a seguito dell’esplosione dell’ordigno. Stamane si è aggiunto una quarta persona, un 20enne fermato a Sefton Park.

Russ Jackson, responsabile dell’antiterrorismo, ha raccontato che l’autista del taxi ha Rutland Avenue ha caricato un passeggero che ha chiesto di essere portato al Women’s Hospital a circa dieci minuti di distanza dove è accaduto il tragico evento. “Le nostre indagini indicano che un ordigno esplosivo improvvisato sia stato assemblato dal passeggero del taxi” di cui “riteniamo di conoscere l’identità ma non possiamo ancora confermarla”, ha detto il responsabile. L’ospedale e la zona circostante restano transennate con una presenza massiccia della polizia. Intanto si indaga a “mente aperta” sulla natura  dell’incidente, ma per la dinamica e per l’utilizzo di esplosivi, il coordinamento dell’inchiesta  rimane di natura terroristica.

Priti Patel la ministra degli Interni ha dichiarato ai giornalisti che nell’arco di un mese è avvenuto un aumento dei livelli di allarme terrorismo, riferendosi probabilmente all’assassinio dello scorso 15 ottobre del deputato Tory David Amess.

Print Friendly, PDF & Email