Facebook, WhatsApp, Instagram in “down” e a Zuckerberg costa 6 miliardi di dollari

Sankt-Petersburg, Russia, January 31, 2018: Whatsapp messenger application icon on Apple iPhone 8 smartphone screen close-up. Whatsapp messenger app icon.

Nella giornata di ieri, lunedì 4 ottobre 2021, le tre piattaforme più famose del web sono andate in “down” per ben sette ore.

Infatti, a partire dalle 17.30, miliardi di utenti si siono ritrovati a non poter utilizzare le tre applicazioni di Instagram, Facebook e Whatsapp ed è stato un down colossale, il più lungo mai registrato dai tre social.

Ma quali sono state le cause del gigantesco tilt?

Secondo una dichiarazione ufficiale, il black-out è stato provocato da modifiche alla configurazione dei router che coordinano il traffico di rete tra i suoi centri dati.

Questa interruzione del traffico di rete ha avuto un effetto a cascata sul modo in cui comunicano i nostri centri dati, bloccando i nostri servizi“. Lo ha dichiarato in un post il vicepresidente delle infrastrutture di Facebook Santosh Janardhan.

In pratica è come se, improvvisamente, fossero stati cancellati i percorsi che consentivano agli utenti di accedere ai server di Facebook.

Il lavoro dei tecnici per ripristinare le normali funzionalità è risultato immane e solo verso mezzanotte le tre app hanno ripreso a funzionare e gli utenti hanno potuto, sia pur lentamente, a scambiarsi nuovamente messaggi e a caricare contenuti su Facebook o Instagram.

Anche il danno economico è stato colossale. Il titolo è andato a picco a Wall Street, mentre l’agenzia specializzata Bloomberg stima una perdita di 160 milioni di dollari per ogni ora di down, che vuol dire a livello mondiale circa 6 miliardi di dollari.

 

Print Friendly, PDF & Email