Palermo inaugura il “Sicilia Jazz Festival”

Da oggi sino al 19 settembre si terrà a Palermo la prima edizione del “Sicilia Jazz Festival”, una vera e propria variegata kermesse musicale che punta a ristorare gli animi dei siciliani con le calde sonorità jazz.

Organizzata dalla Fondazione The Brass Group, la manifestazione è peraltro promossa dall’Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana.

Pensato per regalare dei magici momenti di musica, l’evento offre ai palermitani di scoprirsi turisti della loro stessa città, dal momento che le esibizioni musicali non  avverranno in un unico palcoscenico bensì nei più bei teatri ed aree attrattive della città: il Teatro di Verdura, il Complesso Monumentale di Sant’Anna, il Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo ed il Real Teatro Santa Cecilia.

Ed è proprio nell’area circoscritta da quest’ultimi tre luoghi che sarà peraltro organizzato il Jazz Village dove sarà possibile lasciarsi rapire dalla collocazione di luminare e da altrettante attrattive che racconteranno la storia e le tradizioni di una terra ricca di bellezza unica come la Sicilia. Madrina dell’evento sarà Barbara Pedrotti, volto noto del mondo televisivo.

Di seguito si riporta brevemente il programma dei concerti.

13 settembre  –  Stefano Bollani

14 settembre –  Samuel feat. Roy Paci

15 settembre –  Billy Cobham Band

16 settembre –  Mario Biondi

17 settembre –  Richard Bona Quintet e Joe Bastianich & La Terza Classe

18 settembre –  Alex Britti

19 settembre –  Tributo a Franco Battiato sotto la direzione di Vito Giordano

Per ulteriori informazioni si rimanda alla consultazione del seguente link: https://siciliajazzfestival.live/il-programma/

Tra i nomi non può non spiccare in particolare quello di Stefano Bollani, che vincitore dei Nastri d’Argento 2021 come compositore della colonna sonora per il film di “Carosello Carosone”, impreziosirà della sua presenza l’evento.

Scelta voluta fortemente dal maestro Ignazio Garsia, dall’amministrazione regionale e comunale e dai Conservatori, come segno di gratitudine perché con il suo intervento da New York nel 2015, in soccorso del Brass che era stato cancellato dalla geografia delle attività musicali dal precedente governo, il Maestro Bollani ha contribuito in modo determinante affinché tutto ciò (festival, Brass Orchestra jazz Siciliana e la musica jazz tutta in generale), potesse continuare a vivere”, è quanto si legge in una nota resa pubblica dalla Fondazione The Brass Group, ente a partecipazione pubblica.

La manifestazione che si aprirà pertanto stasera alle ore 21.30 con il tanto atteso concerto dell’artista milanese ha tutti i presupposti per lasciare intendere che l’ipotesi di una seconda edizione non sia così improbabile.

Ed affinché la musica torni ad essere vissuta nuovamente in spazi condivisi, ci si augura inoltre che l’evento dia un importante slancio a un settore come quello dello spettacolo così pesantemente messo alla prova dagli effetti della pandemia.

Print Friendly, PDF & Email