Scuola, Sasso: “Convitti, rivalutare ruolo personale educativo, necessario un intervento normativo ad hoc”

“Questa mattina ho incontrato una folta rappresentanza degli educatori dei convitti nazionali e degli educandati, una componente preziosa del nostro sistema scolastico che troppo spesso non ha ricevuto la giusta attenzione da parte della politica e del sindacato. Tanti i temi che abbiamo affrontato e che cercheremo di sviluppare nei prossimi mesi per approdare a risultati concreti. Di sicuro, quello che è emerso e su cui mi trovo perfettamente d’accordo è la necessità di un intervento normativo complessivo che modifichi lo status giuridico degli educatori e ne valorizzi al meglio percorso formativo e competenze”. Lo dichiara Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell’Istruzione.

 

“Nel 2019 – sottolinea – condussi personalmente una lunga battaglia parlamentare per aumentare l’organico degli educatori dei convitti italiani e, grazie alla sensibilità del ministro Bussetti, si ottenne un incremento del 15% delle immissioni in ruolo. Un risultato importante che, oggi, ci deve spingere a fare un passo ulteriore in direzione di una legge quadro che affronti le varie criticità sollevate dalla categoria. Quella degli educatori è una comunità che finalmente sembra stia riuscendo a organizzarsi, a fare rete, a portare avanti le proprie istanze in maniera organica e che merita una doverosa attenzione da parte delle Istituzioni”, conclude.

Print Friendly, PDF & Email