Napoli 2021, Laboccetta (Polo Sud) a Maresca: “Quando decidi?”

«Voglio fare il sindaco di Napoli per amore della città». È l’annuncio che Amedeo Laboccetta, già deputato al Parlamento italiano, avrebbe voluto sentire da Catello Maresca, il candidato in pectore del centrodestra a Palazzo San Giacomo. Invece, «pare che stamane ci sia mare calmo o, meglio, acqua cheta, che di solito s’appantana. Il resto del detto si conosce bene» scrive Laboccetta in un comunicato stampa. C’è un «silenzio surreale, laddove ci aspetteremmo un passo decisivo da parte del magistrato Catello Maresca in merito alla sua discesa in campo».

Tuttora, restano «un manifesto stradale e l’annuncio di un amico, che probabilmente sta per editare il suo programma, tal Bianco» sostiene ancora Amedeo Laboccetta. Quest’ultimo, fa riferimento alle parole dell’imprenditore Rosario Bianco, che, con la sua casa editrice  Rogiosi, ha già pubblicato due libri del sostituto procuratore napoletano: il primo, nel 2016, scritto, a quattro mani, con il giornalista Paolo Chiariello, sul potere mafioso; il secondo, nel 2019, che tratta, in forma manualistica, la legislazione antimafia. Bianco, infatti, poche ore fa, ha detto che Maresca scioglierà la riserva, cioè se candidarsi o meno, nei prossimi giorni.

Nella nota alla stampa, Amedeo Labocetta, mutuando il linguaggio tipico della giustizia, mondo dal quale proviene Maresca, afferma, altresì, in tono provocatorio: «Sappiamo bene che un “avviso di garanzia” non comporta necessariamente un processo, ma a questo punto davvero sta per configurarsi un preciso reato: il disinteresse per Napoli».
«Maresca batta un colpo» reclama Laboccetta. «Faccia capire con chi ha fatto questa scelta, conscio che non possa essere di certo un unico sponsor, ma di tutta la coalizione di centrodestra, con la  quale, sia pure nell’indipendenza del suo ruolo, deve necessariamente confrontarsi» conclude il presidente dell’associazione culturale Polo Sud.

Print Friendly, PDF & Email