Salerno, Maraio (PSI): “Rilanciare la grande progettualità socialista, ripartire dal confronto”

“Ho ricevuto un gradito omaggio. L’8 Marzo del 1987 iniziava a Salerno, la mia città, l’esperienza della Giunta laica e di sinistra di Vincenzo Giordano”, queste le prime parole del segretario nazionale del PSI, Vincenzo Maraio, sui social dove posta la foto del libro  “Salerno Socialista” consegnatogli dal giornalista Gaetano Amatruda che contribuì alla stesura, e che in quegli anni era collaboratore del sindaco.

Maraio ha aggiunto nel suo post “Il professore, con una squadra di grande livello, avviò la trasformazione di Salerno. Nascono, in quegli anni, le grandi opere, dal Trincerone alla Lungoirno, il Corso viene consegnato alla città, ci sono grandi interventi di edilizia popolare, si immaginano le piazze, i parcheggi e si costruisce la tutela delle aree verdi. Una violenta stagione giudiziaria interruppe quella esperienza”. E continua “Negli anni successivi fu Vincenzo De Luca a continuare molte opere, a rilanciare, direi alla grande, il progetto con nuove e vincenti intuizioni. Non lo fece nei primi anni ma, in una fase successiva, lui per primo ricordò che la stagione di rinnovamento della città iniziò nel 1987”.

Il segretario conclude “Negli ultimi anni si è, in parte, fermata la grande stagione della modernizzazione. Sono prevalsi, al netto degli sforzi di Enzo Napoli, i distinguo rispetto al progetto. Manca, in alcune circostanze, la visione, il confronto sui temi, la voglia di fare squadra. Ora è tempo di rilanciare. C’è un filo rosso che attraversa lo sviluppo di questa città. Quel filo lo vogliamo riannodare e legarlo a nuovi anni di grande cambiamento”.

Print Friendly, PDF & Email