L’intervista del Direttore | Varriale (Moderati): “Napoli 2021, mettere da parte i personalismi e scegliere il candidato Sindaco sul ‘modello’ De Luca”

Vincenzo Varriale, Segretario regionale campano dei Moderati, ha rilasciato un’intervista per la rubrica “L’intervista del Direttore su Istituzioni24.it, nella quale ha spiegato la posizione del suo partito nella scelta del candidato Sindaco per la coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni comunali di Napoli 2021.

 

Dottor Varriale, siamo giunti agli ultimi mesi dell’amministrazione de Magistris che ha guidato Napoli negli ultimi 10 anni. Qual è la Sua opinione sull’operato del Sindaco De Magistris?
“L’amministrazione di una grande metropoli come Napoli è fatta di tanta buona ordinarietà: trasporti, igiene urbana, manutenzione stradale e del verde, welfare e la tutela delle fasce deboli.
Stando ai fatti, il quadro non è positivo. Basta vedere il deficit di bilancio attuale, oltre 2.3 miliardi, ma non voglio polemizzare, anche perché saranno i cittadini napoletani a giudicare scegliendo il futuro sindaco alle prossime amministrative.”

Quali dovranno essere le caratteristiche del prossimo Sindaco della Capitale del Sud per farla ritornare al Suo splendore?
“Deve essere una figura di alto profilo e poliedrica, che abbia oggettive capacità amministrative, dal pensiero moderato, riformista e liberale. Capace di dialogare con tutti i livelli istituzionali e che abbia una visione a medio-lungo termine della città, contestualizzata al momento particolare di crisi economico-sociale che sta attraversando..
I segni lasciati dal covid saranno profondissimi e da questi occorre ripartire.
È necessario ridisegnare tutto: dai poli Universitari all’enogastronomia, dagli insediamenti hi-tech allo sviluppo della risorsa mare, pensando alla nuova offerta del commercio e dell’artigianato rispetto alla domanda post covid. Occorre progettare una nuova viabilità per il miglioramento dell’ambiente. L’infrastruttura fondamentale per percorrere questa strada è la tecnologia, il 5G è alle porte, con al centro un moderno concetto di sicurezza, insomma una vera Smart city.”
Segretario, per le prossime elezioni amministrative di Napoli, già sono scesi in campo, l’ex Sindaco Antonio Bassolino e l’attuale assessore della Giunta de Magistris, Alessandra Clemente. Mentre si resta in attesa di una ufficializzazione della candidatura del Magistrato Catello Maresca, il quale dovrebbe essere appoggiato dal centrodestra. Il centrosinistra, di cui i Moderati da Lei guidati ne fanno parte, come si sta organizzando?
“La pluralità di più forze in campo ha sempre giovato alla competizione in una democrazia partecipativa. Noi siamo al lavoro sul programma già da diversi mesi, abbiamo le idee molto chiare di come dovrà ripartire la città. Le nostre liste dei candidati, sia al comune che nelle dieci municipalità, sono quasi ultimate. Pertanto, siamo al lavoro per raggiungere almeno lo stesso risultato delle regionali dove abbiamo eletto due consiglieri a Napoli, risultando la seconda forza moderata.”
Lei, sarebbe favorevole ad un’alleanza Pd (comprensivo di tutti gli altri partiti del centrosinistra) con il M5S e LeU?
“Siamo sempre stati nel centrosinistra e in coalizione con il Pd, anche quando abbiamo perso nel 2016. Nel precedente incontro di coalizione alla stazione marittima si decise all’eventuale apertura ai grillini, se pur distanti politicamente, ma con l’accordo di preservare un principio di pari dignità e di collegialità nella scelta del candidato a sindaco.”
…ed invece ad una candidatura di una personalità civica o politica sostenuta da una coalizione modello regionale De Luca?
“Noi siamo stati i primi a parlare di “modello” vincente De Luca ribadendo che squadra che vince non si cambia. Siamo in perfetta sintonia con il presidente della Regione, pertanto, il problema non è la figura da scegliere, politica o civica, bensì l’individuazione di una personalità che rispecchi le caratteristiche morali e civili come sopra descritte.
Inoltre, i tempi in politica sono tutto e siamo in netto ritardo rispetto ai candidati già in campo. Noi non intendiamo regalare la vittoria alla destra, per cui auspichiamo che nei prossimi giorni si trovi un accordo comune o procederemo con un candidato autonomo, come già ribadito.”
Qual è la posizione dei Moderati rispetto al ragionamento in atto nel centrosinistra per la scelta del candidato?
“Noi siamo sempre stati chiari fin dal principio e siamo ancora convinti che si dovrebbero mettere da parte i personalismi e gli interessi di parte, magari in attesa di indicazioni provenienti da Roma, e puntare alla coalizione vincente delle regionali con una proposta chiara e condivisa per il bene di Napoli e di tutti i Comuni che andranno al voto in Campania.”
Nel concludere, vuole lanciare un appello ai suoi alleati per velocizzare la scelta del candidato?
“Noi fummo i primi a proporre e a costruire un tavolo di confronto, lo scorso novembre, con le forze moderate, riformiste ed europeiste per le comunali. Poi abbiamo accolto l’invito del Pd al tavolo di coalizione, ma purtroppo, ad oggi, dopo fiumi di parole sui giornali non c’è ancora nessun nome ufficiale.
L’invito alla coalizione è quindi, quello di pensare prima a Napoli e alla nuova agenda da programmare nei prossimi anni, mettendo da parte ragionamenti opportunistici e di parte. Fare presto e insieme, con pari dignità, come da intese precedenti.”
Print Friendly, PDF & Email