Covid-19, circa 500 i giornalisti uccisi dal virus in 56 paesi

Sono quasi 500 i giornalisti uccisi dal coronavirus, responsabile della pandemia che sta affliggendo il pianeta. Solo a novembre si contano 47 vittime nel mondo dei media, rispetto ai 22 decessi noti ad ottobre.

A confermarlo è l’ente internazionale per i diritti dei media con sede a Ginevra Press Emblem Campaign (PEC). Le notizie fanno presumere che la cifra reale dei decessi, dal primo marzo, sia sicuramente più alta.
“Sfortunatamente, la pandemia sta facendo sempre più vittime nei media. È una perdita enorme. In paesi come India, Brasile, Argentina e Messico, il numero di vittime tra i giornalisti è in aumento”, ha detto il segretario generale del PEC, Blaise Lempen.

Si ritiene, dunque, doveroso ricordare quante vittime il virus stia contando nel mondo dei media, per sottolineare che anche loro, uomini d’informazione, sono in prima linea nella guerra contro un virus che non fa sconti a nessuno.

Print Friendly, PDF & Email