“Mezzogiorno a rischio contagio col pendolarismo medico”: la denuncia di un medico napoletano

Rimbomba su Facebook una polemica lanciata da un giovane medico napoletano, Umberto Lo Passo, che ha puntato il dito contro alcuni annunci che stanno circolando nelle chat di settore.

“Alcune società private nel campo sanitario – spiega Lo Passo – stanno reclutando a 45€/h (rischio biologico incluso, viaggio, vitto e alloggio non contemplati) giovani medici campani per fargli fare turni sporadici in ospedali covid19 Lombardi. Questo vuol dire creare gruppi di medici pendolari con stretti contatti con pazienti covid19 dalla Lombardia, zona fuori controllo epidemiologico, al resto del paese con concretissima possibilità di diffondere il virus” spiega Lo Passo”.

Istituzioni24.it ha visualizzato l’annuncio (proposto nella chat “lavori medici Campania”), apprendendo che i turni richiesti sono solo notturni e l’alloggio non è incluso.

“Allo stato attuale – continua Lo Passo – l’assistenza sanitaria non deve e non può assoggettarsi alle logiche di mercato e non si può permettere a società private di creare flussi di lavoratori pendolari probabili vettori virali solo per non assumere in pianta stabile nelle zone rosse medici con contratti seri e regolari che assicurino controllo sanitario, tamponi e permanenza stabile nella zona rossa a chi volesse lavorarci (…) Chi può si attivi per far arrivare questa segnalazione a chi ha il potere di fermare questo scempio” conclude Lo Passo.