Sandro Gozi nominato consigliere per i rapporti con il Parlamento Europeo per la Francia

Sandro Gozi è stato nominato dal Presidente del Consiglio francese Édouard Philippe consigliere per i rapporti con il parlamento Europeo e delegato del governo per la composizione della commissione.

In parole povere l’ex sottosegretario agli affari Europei del governo Renzi prima e del governo Gentiloni poi, nonché stretto collaboratore di Romano Prodi all’epoca della presidenza della Commissione Europea sarà parte integrante della strategia politica francese nel nuovo assetto europeo.

Il cinquantunenne romagnolo non è nuovo nel panorama politico d’oltralpe. Candidato al 22° posto nella lista per le elezioni Europee della Republique en Marche , il partito del presidente Macron, non è stato eletto nella scorsa tornata elettorale ma potrebbe entrare in parlamento se la Gran Bretagna completasse l’iter della Brexit e di conseguenza ritirasse i propri deputati.

Colpito « sulla via di Damasco » dalle parole del presidente Macron contro il populismo e per la sua passione europeista l’ex parlamentare italiano martedi prossimo (6 agosto ndr) verrà dunque nominato membro del gabinetto del presidente del consiglio del governo francese. Evento molto raro nella molto franco-francese strategia politica dei cugini d’oltralpe.

Vedremo quindi, come uno dei più stretti collaboratori di Renzi porterà avanti la politica tricolore stando attento a non confondere il blu con il verde.