Economia | Il Ministro Tria: ”Serve piano strutturale per il Mezzogiorno”

NAPOLI- Alla presentazione della rivista internazionale ”Rassegna Economica” presso il centro studi di Intesa San Paolo, Studi e Ricerche per il Mezzogiorno (SRM), il ministro dell’Economia Giovanni Tria, traccia un bilancio sullo stato economico in cui versa il Sud Italia: ”Mancano le infrastrutture, la connessione, ma anche i servizi: asili nido, scuole. E poi c’è il rischio legale, da non confondere con l’altra grande questione dell’illegalità. Mi riferisco alla possibilità per un potenziale investitore di ritrovarsi al centro di una vicenda complessa destinata a non chiudersi in breve tempo”.

Sulle possibili soluzioni aggiunge:  “Stiamo mettendo in fila tutti i provvedimenti del Mezzogiorno che vanno dai contributi sociali, al mercato del lavoro, agli investimenti, all’utilizzo dei fondi strutturali. Tutti buoni ma un accatastarsi di provvedimenti non collegati gli uni agli altri. Abbiamo tante risorse ma mai come parte di un piano“.

Partire da questa mappatura credo sa utile per poi mettere mano al quadro degli investimenti – ha concluso – abbiamo già lo stanziamento di 85-87 miliardi per i prossimi dieci anni, cifre enormi“.