Vietri rilancia con la Svizzera per la sfida della internazionalizzazione

VIETRI SUL MARE – Il Comune di Vietri punta sulla internazionalizzazione. E l’evento ‘L’altra metà del Mare’ è l’occasione per promuovere i territori, le sue bellezze, i luoghi e le ceramiche. Ancora una volta Vietri punta più in alto, alla dimensione internazionale. Per farlo una serata di collaborazione con la Svizzera, una serata che è stata l’occasione per promuovere una riflessione sulla necessità di avviare sfide più grandi. In una gremitissima Villa Comunale la manifestazione finale per celebrare la bellezza e rilanciare le eccellenze. Per ragionare ed indicare gli obiettivi del futuro. L’appuntamento fortemente voluto da Luca Lamberti, di Direction Capri e Gaetano Amatruda, giornalista e componente dell’associazione ‘Andare Avanti’. Ma è stata di Luca Peruzzini, di Teconocasa Vietri, la fondamentale regia delle giornate vietresi, “perché amo Vietri e voglio che cresca” ha sottolineato il concreto motore delle giornate. La collaborazione con il concorso Miss Suisse Francophone, con la presenza delle finaliste e della Miss in carica Amelia Giànnarelli, è stato il volano per rilanciare il territorio. “Vietri ha grandi potenzialità è cresciuta e continuerà a crescere” ha detto il sindaco Franco Benincasa. Ed ha rilanciato l’assessore Giovanni De Simone “promuoveremo sempre occasioni di incontro, per le ceramiche e per le nostre bellezze”. Con loro, alla serata, tanti simpatizzanti, amministratori e cittadini. Si sono visti Annalaura Raimondi e diversi consiglieri comunali. Fra i presenti anche amici dell’evento come Davide Scermino e Daniele Benincasa. La manifestazione, in Villa comunale, guidata da un eclettico e brillante Andrea Avallone, ha visto la partecipazione straordinaria di Mercedes Henger. La serata impreziosita dalle stiliste Maria Longobardi e Veronica Guerra e dalla squadra del Brutto Anatroccolo di Gianluca Ricci. “Abbiamo promosso una serata e non abbiamo finito la nostra missione, nei prossimi anni cresceremo ancora” ha concluso Luca Peruzzini.