Salerno, intitolata strada all’imprenditore Antonio Pastore

Un momento della cerimonia

SALERNO. Una strada per Antonio Pastore. Questa mattina, venerdì 5 aprile, si è tenuta la cerimonia di intitolazione di una strada nella zona industriale di Salerno all’imprenditore Antonio Pastore, past president della Camera di Commercio. La nuova via sorge all’altezza dell’arteria di Porta Est, la strada di collegamento tra via Wenner e la litoranea.

Alla cerimonia hanno preso parte, unitamente agli eredi Pastore, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli ed il presidente della Camera di Commercio Andrea Prete.

“E’ un atto doveroso intitolare una strada ad Antonio Pastore e nella zona industriale. È un valore simbolico aggiunto – ha commentato il sindaco Napoli – Antonio Pastore ha contrassegnato con la sua vicenda umana e professionale una tappa importante della nostra storia recente. Erano anni della fiducia, dello sviluppo, del boom che in qualche modo tentiamo di ricordare per rinnovarli in una nuova stagione di successi. Ricordiamo Antonio Pastore con affetto, amicizia e rispetto”.

“Antonio Pastore lascia il suo segno – ha detto il presidente della Camera di Commercio Prete – Era un imprenditore che si rimboccava le maniche”.

“Antonio Pastore era un uomo che veniva da una famiglia di artigiani e che è riuscito a costruire un’attività economica importante – ha dichiarato il presidente De Luca –  Lo ricordo come un uomo di grande coerenza politica. È stato un democristiano convinto, non ha rinnegato le sue idee neanche dopo il crollo dell’equilibrio politico prima del 1992 e ha rivendicato con orgoglio questa sua fede politica che ha coltivato sempre con rispetto per gli avversari, con grande spirito di dialogo e con grande semplicità. Lo ricordo anche come un uomo legatissimo alla famiglia. Condividevamo questa opinione: i valori familiari sono più importanti di ogni altra cosa. Ricordo, infine, una caratteristica tutta sua: una grande ironia. La capacità di fare una battuta fulminante anche nei confronti di tanti giovani supponenti e magari privi di valori. Davvero una grande bella figura di imprenditore, di padre, di uomo. Una persona cui è legata l’identità di Salerno; uno dei simboli della nostra città”.

A nome della famiglia Pastore ha parlato il figlio Maurizio. “Sono commosso ed emozionato – ha detto – Felice che mio padre rimanga a Salerno per sempre, nella zona industriale, perché papà era soprattutto un lavoratore”.

BIOGRAFIA.  Antonio Pastore è nato a Salerno il 21 settembre 1929 ed è morto il 30 dicembre del 2013. È stato presidente della Confcommercio provinciale dal maggio del 1970 al luglio del 1982; presidente dell’Unione regionale della Confcommercio dal 1976 al 1982. Nel 1971 entra a far parte della Giunta camerale; consigliere di amministrazione della Fondazione Cassa di risparmio salernitana (1973-1982); presidente dell’Ismez (1975-1982). Dall’agosto del 1982 e fino a febbraio del 2000 è stato presidente della Camera di commercio di Salerno. È stato anche presidente della società Salerno sviluppo, consigliere dell’Università degli studi di Salerno, presidente del Consorzio aeroporto Salerno-Pontecagnano; consigliere della Fondazione Istituto Banco di Napoli.