Comune di Napoli. Moretto, attività abusive: inviato QT su evasione fiscale

Il Capogruppo del gruppo consiliare “Prima Napoli”, Vincenzo Moretto, ha invitato  con un Question-Time il Sindaco e l’Assessore competente a riferire in modo esaustivo e risolutorio sulla problematica dei mercati abusivi e dei rifiuti, più volte sollevata dallo scrivente attraverso i canali istituzionali con interrogazioni, question-time, ordini del giorno, segnalazioni e denunce ai vari Organismi competenti oltrecchè istituzionali. E’ evidentemente palese che il fenomeno:

  • incentiva in modo esponenziale l’illegalità e la vendita di oggetti di vario genere contraffatti con notevoli margini di guadagno per tutta la filiera risaputamente gestita da organizzazioni malavitose;
  • soffoca il commercio legale e mette a rischio l’economia di intere famiglie;
  • induce ad una concorrenza sleale che danneggia fortemente i lavoratori onesti;
  • porta ogni giorno all’occupazione coatta di spazi non destinati ai mercati;
  • aumenta lo sporcizia residua nelle strade in quanto gli abusivi non puliscono gli spazi che occupano ogni giorno abusivamente;
  • riduce sensibilmente i proventi da COSAP per le casse comunali;
  • le zone interessate dal fenomeno non garantiscono minime condizioni di igiene e salute pubblica proprio per le modalità di occupazione dei suoli pubblici e sia per la natura degli oggetti venduti (per i mercatini abusivi: la merce, risultando contraffatta, non rispetta la normativa UE di riferimento soprattutto giocattoli, abbigliamento, generi alimentari e addirittura farmaci di dubbia provenienza; per i mercatini dell’immondizia: la merce, viene recuperata soprattutto da Rom dai cassonetti dei rifiuti solidi urbani e dai numerosi cumuli di spazzatura lasciata a terra per il mancato e/o assente conferimento da parte dell’Asìa nonostante sia in vigore sia il Regolamento comunale per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti ai sensi dell’art. 21 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 così come emendato con deliberazione consiliare n.12 del 22.2.2006 sia l’Ordinanza Sindacale risalente al 2014 Oggetto: divieto di rovistare nei contenitori della spazzatura, di asportare e trasportare rifiuti di ogni genere prelevati dai cassonetti destinati alla raccolta di tale materiale emanata proprio per contrastare il mercato dei rifiuti; non ultima l’Ordinanza Sindacale Prot. GAB/n. 10 del 07/09/2018 OGGETTO: Disposizioni urgenti per ridurre le criticità del ciclo rifiuti;
  • il fenomeno dei mercatini dei rifiuti aumenta sensibilmente il degrado e la vivibilità di interi quartieri considerato che, dopo il rovistamento, i rifiuti e gli oggetti non prelevati giacciono sparsi sui marciapiedi e lungo le strade mettendo a rischio anche l’incolumità di passanti, motociclisti e automobilisti;
  • l’immagine della città, soprattutto per i turisti, viene enomermemente compromessa;
  • la gravità assoluta dei mercatini dell’abusivo deve fare riflettere anche su un problema che concerne l’ordine pubblico: questi abusivi totali o evasori od elusori, sono anche fonte di disordine e scompensi nel regolare svolgimento delle contrattazioni nei mercatini rionali fino alle baracche o gazebos. Spesso intralciano il movimento veicolare, producono confusione, intralciano il regolare formarsi dei prezzi mercuriali e spessissimo sono emanazione di mafie e delinquenza comune;
  • attuare campagne e opere di sensibilizzazione, anche negli istituti scolastici di vario ordine e grado ma soprattutto rivolte ai cittadini ed in sinergia con le associazioni civiche di quartiere e di volontariato sugli effetti nocivi, (dall’ambiente, alla salute, all’igiene pubblica, all’ordine pubblico nonché alla sicurezza) che i due fenomeni ormai ben radicati apportano;
  • estensione della Daspo a tutte le zone assoggettate a degrado, illegalità e insicurezza della città e sanzioni più severe per i trasgressori;
  • eventuale creazione di una mappatura delle aree e microaree interessate dai due fenomeni per un maggior controllo e gestione

Constatato, purtroppo, che il fenomeno è sempre più dilagante e che nessuno pare fermare i mercati abusivi e dell’immondizia, nonostante anche le buone intenzioni di questa Amministrazione e l’operato costante della Polizia Municipale e delle Forze dell’Ordine, si chiede ancora una volta a codesta Amministrazione quali azioni, controlli, provvedimenti, ordinanze, oltre a quelli già emessi, vorrà mettere in campo per debellare definitivamente il fenomeno anche con l’istituzione di tavoli di confronto con Prefettura, Questura e Forze dell’Ordine e riferire i provvedimenti e i progressi, si auspica, raggiunti, in Commissione Consiliare e in Consiglio Comunale, semmai anche con la convocazione di un Consiglio Comunale monotematico sul tema.

 

 

Print Friendly, PDF & Email